Forecasting alberghieroRevenue Management

Quando partirà il Turismo in Italia

La stagione è alle porte è necessario fare il punto della situazione

Prima di tutto ricordiamo che dietro i numeri ci sono persone e famiglie intere che soffrono. Oltre a medici che rischiano la propria vita per curarci senza avere nulla in cambio e senza avere neppure le attrezzature e l’equipaggiamento necessario. Mentre noi siamo su Facebook.. E se mi leggi significa che mi conosci, se mi conosci ti chiedo un grade favore, dona almeno 5 euro alla Croce Rossa Italiana, sono sul fronte per combattere per noi che siamo stressati di stare su Facebook, loro rischiano la pelle noi Facebook.. Vai qui e dona subito!!

Detto questo leggo spesso che fare previsioni sia impossibile, quasi a disprezzare il lavoro degli analisti che cercano di interpretare i numeri. Bene visto che a molti da fastidio ecco le mie previsioni. Perché? beh credo sia fondamentale avere la consapevolezza dei dati, poi ognuno prenderà le proprie decisioni. C’è chi agisce di intuito chi basandosi sui dati, sono filosofie di pensiero..

Ieri sera ho sentito la lunga intervista (guarda dal minuto 21:49) del professor Massimo Galli, dell’istituto Sacco di Milano che tra le righe si è sbilanciato.

Quando finirà l’emergenza?

Gli elementi da analizzare sono tantissimi, il prof cita la curva epidemiologica di Whuan come esempio a cui ispirarsi. 

Allego alcune immagini che sono piuttosto impietose dell’Italia nei confronti della Cina.

Oppure questi dati di confronto:

Secondo il professore dovremmo paragonare i dati quindi dovremmo considerare i 60 giorni per raggiungere il contenimento come successo in Cina. Anche se a mio modestissisissisissisimo parere sembriamo messi molto peggio della Cina.. Vabbè andiamo avanti.

Considerando che le prime restrizioni in Italia sono iniziate il 10 Marzo + 60gg, significa arrivare al 10 Maggio. Ma siamo sinceri, possiamo paragonare il livello di restrizioni cinesi con quello italiano? direi di no.. quindi aggiungiamoci almeno 15 giorni extra, quei giorni in cui è arrivato il secondo decreto restrittivo italiano (25 marzo + 60gg= 25 Maggio).

In parole povere se tutto andrà per il meglio l’emergenza sanitaria dovrebbe attenuarsi con l’inizio di Giugno, anche se il prof ha lasciato intendere che la speranza sia che le restrizioni potranno essere tolte anche poco prima.

Sempre ieri ho letto anche l’intervista del capo di Ryanair che parlava di un rientro in funzione della flotta per Giugno.

Insomma senza fare troppi sforzi abbiamo due indizi autorevoli che ancorano le nostre aspettative ad un periodo ben determinato nel tempo.

A questo dobbiamo aggiungere le incertezze sull’opinione pubblica che esploderanno nei prossimi 20 giorni in cui arriveremo al picco massimo di deceduti giornalieri, numeri che faranno rabbrividire. Perché i quasi mille morti di ieri 27 Marzo sono la conseguenza di contagi con manifestazioni di sintomi di almeno 10 giorni fa.

Se consideriamo che 10 giorni fa i contagiati (quelli a cui si faceva il tampone per via di manifestazione di sintomi) erano in media 2500 al giorno, significa che i 4500 (abbondanti) in media di questa settimana potrebbero trasformarsi in numeri di decessi davvero impressionante tra una 10 di giorni.

A questo dobbiamo aggiungere l’incremento impressionante dei contagi in US oltre che in Spagna, il resto d’Europa invece sempre seguire l’andamento Italiano (che è pur sempre drammatico).

A questo dobbiamo aggiungere la grande incognita Africana.

Ma poniamoci nella migliore delle ipotesi, in Africa si contiene, in tutti gli altri paesi l’andamento sarà simile o migliore a quello italiano e non ci sarà una rivolta popolare per il numero di morti, ne per la quarantena che dovrà perdurare.

Ecco che ritorniamo alle ipotesi di Galli, e di Ryanair.

Basiamoci su quelle, e facciamo finta che il 1 Giugno riapriamo tutta Italia e il 10 Giugno riapre tutto il resto del mondo. 

Quando ripartirà il turismo?

Quanto tempo servirà per far ripartire il turismo?

Beh qui dovremmo prendere in considerazione altri comparativi, quanto tempo serve affinché il popolo si dimentichi questo shock? Non ne ho idea.. posso solo portare come esempio la crisi di Venezia con l’acqua alta eccezionale di fine anno. Li pare che siano serviti un paio di mesi per ritornare con flussi normali.

Quindi senza considerare l’enorme differenza di impatto tra il fenomeno della marea (seppur eccezionale) e il Covid-19 facciamo finta che 2 mesi siano sufficienti.

Arriviamo ad Agosto. (con spirito e speranze ottimistiche)

Poi dovremmo parlare dei segmenti di mercato, si parla del mercato interno, del business.. gli eventi cancellati.. il turismo di massa a cui siamo abituati tornerà come se niente fosse? oppure avremo dei radicali cambiamenti nel modo di consumare il turismo?..

per il resto delle considerazioni ci aggiorniamo alla settimana prossima, il 01/04/2020 con l’albergatore più famoso  e smart d’Italia Giancarlo Carniani in diretta come sempre sul gruppo Facebook https://www.facebook.com/events/620714498483435/

Nel frattempo iscriviti all’evento e dona alla croce rossa 🙂

 

Leggi tutto

Edoardo Caldari

Esperto di Revenue Management in generale, con una grande passione per la creazione di algoritmi di Revenue Management e di Forecasting. Laureato in economia e specializzato in Economia per il turismo alla Cà Foscari di Venezia con 110 con lode. CEO di HotelPro360 un'azienda innovativa per aiutare le piccole aziende turistiche ad ottenere il massimo delle performance.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Ti interessa il Revenue Management?

Rimani al passo delle ultime novità del settore

Solo contenuti di Qualità 100% Garantito, anch'io odio lo SPAM!!