martedì , 28 marzo 2017
Breaking News
Home » Revenue Management » Forecasting alberghiero » Business Plan Excel, esempio pratico
business plan hotel excel

Business Plan Excel, esempio pratico

Quanto dovrebbe guadagnare un hotel? Esempio pratico.

Ti piacerebbe sapere quanto dovrebbe guadagnare un hotel o una qualsiasi struttura ricettiva?

Per gli imprenditori

Il Business plan per una qualsiasi attività imprenditoriale è molto importante, spesso gli imprenditori turistici fanno un business plan a “mente” o a spanne.

Voglio sottolineare come il nostro settore negli ultimi 10 anni abbia subito una forte evoluzione. La difficoltà nel riuscire ad intraprendere un’attività turistica con una remunerazione adeguata ai rischi che sottende, è sempre più complicato. Pertanto è bene partire con una certa dose di consapevolezza. Bisogna sempre partire da un business plan, grazie a questo business plan si potrà progettare la pianificazione consapevole del budget. (avete fatto il budget per il 2016 giusto?!)

Per i fornitori degli imprenditori

Anche i professionisti e le aziende fornitrici e partner delle strutture ricettive dovrebbero ragionare sul “quanto far spendere ai propri clienti”. Infatti spesso si tende a sopravvalutare le possibilità economiche degli hotel e del ricettivo in generale. Quindi partire da un business plan ragionato sulle possibilità economiche dei clienti è un buon punto di partenza su cui basare il pricing del proprio business.

Business Plan Hotel Excel

Voglio condividere questo file Excel per aiutare tutti coloro sono alle prese con le imprese turistiche.

Scarica

Potrete personalizzare il file a seconda delle caratteristiche della vostra struttura ricettiva e ottenere in tempo reale un vero CONTO ECONOMICO come quello che vi prepara il commercialista a fine anno.

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere tutti i futuri file excel direttamente sulla posta? Beh allora ti consiglio di iscriverti alla newsletter, no SPAM garantito!

Condivisione delle idee per una progressiva innovazione incrementale

Credo nella condivisione delle idee perché sono convinto che solo dal confronto si possa ottenere il massimo dell’innovazione. Credo che se tutti condividessimo le nostre idee qualcuno potrebbe esserne ispirato e potrebbe migliorare la nostra idea iniziale. In questo modo il ciclo potrebbe continuare e potrebbe creare una progressiva innovazione incrementale che potrebbe creare ulteriori esternalità positive per la comunità. (forse ci sono troppi “potrebbe”? chissà..)
Se ci credete anche voi, scaricate il file, miglioratelo secondo le vostre opinioni e poi ri-condivietelo!

Ho creato un Gruppo Facebook da pochissimi giorni! Ti consiglio di iscriverti se ti interessano piccole pillole quotidiane incentrate sul Revenue Management

Nuovo Gruppo Facebook

Non riesco a scrivere un articolo per ogni idea o pensiero che mi passa per la mente, ho creato un gruppo proprio per facilitare la condivisione delle idee!

Ci sentiamo presto online 😉

 

Check Also

Il Revenue Management della catena NH

Il revenue Management della compagnia alberghiera NH hotels Torniamo a parlare di strategie tariffarie, questa …

27 comments

  1. Volevo chiedere se funziona per un agriturismo?
    Grazie e complimenti!

  2. Complimenti!
    Ne ho visti tanti ma questo è il più intuitivo e facile da utilizzare.

  3. Michele De Pascali

    molto semplice ed utile per una piccola struttura ricettiva.
    grazie

  4. ho provato il file exel… efficacissimo… mi ha fatto aprire gli occhi e fatto passare la poesia di aprire un hotel!!!

  5. Ciao Edoardo, complimenti per il lavoro. Seguo sempre volentieri il tuo blog.
    Ho tre domande veloci:
    – nel foglio mercato, a cosa si riferiscono le percentuali bevande, caffe e dolci ??

    – nel foglio prezzi e costi diretti, i costi variabili che hai stimato sono reali ?? Te lo chiedo perchè l’analisi dei costi variabili per camera è un argomento che è sempre un po’ trascurato, anche negli stessi libri di settore.

    – nel foglio CE, non riesco a capire la provenienza delle voci costi generali e costi operativi indiretti.

    Grazie e buon lavoro. 🙂

  6. Ciao Stefano,

    mi fa davvero piacere che ti piaccia il blog!

    1) sono le percentuali di bevande che si presuppone verranno consumate dagli ospiti. (le bevande sono valori marginali che non spostano la redditività complessiva di molto, ma mi pareva corretto inserirli all’interno di un business plan)
    2)Si sono i miei 😉
    3)i costi generali sono la somma di “Affitto locali Luce, Acqua, Gas Telefono, Connessioni e TV, Tasse & imposte varie e ammortamenti”
    quelli indiretti sono la somma di “varie e manutenzioni e imprevisti”
    Li trovi tutti nella pagina costi indiretti!

    Se hai altre domande sarà un piacere 😉
    a presto

  7. ottimo, ma forse ti mancano i costi dei servizi di pulizia??

    • Ciao grazie! Quei costi nell’esempio sono inseriti tra il costo camera, ma li puoi mettere aggiungendo personale se non li consideri costo variabile. Nei commenti all’interno del file l’ho specificato.
      Grazie mille a presto!

  8. Ciao Edoardo,
    lavoro davvero interessante e ben fatto.
    Un piccolo suggerimento: avrei inserito una semplicissima funzione, che tu conosci sicuramente, per trovare in modo immediato il punto di pareggio ( Break Event Point) senza dover ricorrere alla simulazione aumentando di volta in volta la percentuale di occupazione fino a ragguingerlo.
    Grazie Tiziano

  9. gran bel lavoro! complimenti! però mi sbaglio o alla voce costi mancano le commissioni dei vari portali (booking, venere, ecc,…) con quello è perfetto! 🙂

  10. Ciao il modello è molto utile, ma se nella mia attività avessi anche la ristorazione come posso prevedere i costi e ricavi di questa parte?
    Grazie mille

    • Ciao Stefano, Il ristorante è una componente molto complessa e intricata da valutare. Sto preparando un file apposito per la creazione del BP per un ristorante stagionale. Il file che è in allegato è strettamente collegato al business dell’hotel. Inserire le voci di costi e ricavi all’interno dei ricavi e dei costi delle camere la vedo davvero dura..
      Mi dispiace ma se mi seguirai il file per i ristoranti è in costruzione!
      Ciao

  11. Ciao Edoardo, aggiungo alla richiesta di prima anche un altro questito:
    se l’attività che vado a considerare, lavora 365 gg ma ha più potenzialità durante la stagione invernale Dic-Mar e da Giu-Sett come posso imputare in modo corretto la % di occupazione? e’ sufficiente una media tra i due periodi?

  12. ciao edoardo complimenti per programma…ho un dubbio perchè nell’utile netto non vengono considerate le tasse? in effetti la cella “tasse” è a zero..ciao grazie

  13. Ciao Edoardo,
    complimenti per il lavoro. Vorrei sapere “il costo camera” come lo calcoli, quali sono le voci che contribuiscono a creare il costo camera?
    Grazie
    Saluti

    • Ciao Alfonso! Piacere di incontrarti online! Il costo camera è la somma di tutti i costi che dovrai sopportare per ogni camera occupata. Quindi dovrai fare la somma di tutte le cose consumabili che serviranno per erogare il servizio, se le pulizie sono “a camera” dovrai conteggiare anche il costo della pulizia della stanza!
      Spero di esserti stato utile!

  14. Ciao Edoardo,
    Complementi per il lavoro. Mi piace tantissimo il tuo blog e lo trovo utile nel mio lavoro.
    Avrei un paio di domande, come ti posso contattare?
    Grazie,
    Saluti

  15. Ciao, Edoardo.

    Innanzi tutto, ti ringrazio per questa opportunità.
    La più semplice che abbia sperimentato.

    i miei dubbi sono questi:

    1) prevedendo un’apertura di soli 180 giorni all’anno, è corretto cambiare l’ultimo dettaglio della formula del C.E. in 6, piuttosto che 12?

    2) La “Quantità prevista bevande” com’è calcolata?

    3) Perchè le camere mensili teoriche corrispondono ai clienti mensili reali? Non potrei vendere di più la camera a 2 persone, pittosto che ad una?

    Grazie mille per il supporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *