Revenue Management

Il Revenue Management della catena NH

Il revenue Management della compagnia alberghiera NH hotels

Torniamo a parlare di strategie tariffarie, questa volta prendiamo in causa e analizziamo una delle compagnie più attive e di successo negli ultimi tempi, NH hotels.

Come fanno il Revenue Management le compagnie Alberghiere?

Era questa la domanda che mi ha spinto a scrivere questo post. Nelle ultime tre settimane tutte le sere sono andato ad analizzare le tariffe dei 5 hotel NH di Roma sulle seguenti date:

  • sabato 23 aprile
  • sabato 30 aprile
  • sabato 7 maggio

Volevo sapere come si comportavano gli hotel della catena NH all’avvicinarsi della data, volevo sapere quanto aggressiva fosse la strategia dei loro Revenue Manager. Ero sicuro che loro avessero dei veri revenue manager al comando, per cui mi sono detto: c’è sempre da imparare, soprattutto dai migliori.

Ebbene come al solito arrivo al nocciolo della questione mostrando questi grafici:

I grafici parlano da soli non trovi?

le mie considerazioni che ritengo più interessanti sono le seguenti:

  1. NH fa revenue, lo fa correttamente, ma lo fa in modo molto lieve. Nei fatti non avviene una vera e propria dinamicità tariffaria, è più simile al concetto originale di Yield Management in cui si parlava di nesting, più che di dinamicità tariffaria.
  2. NH non abbassa le tariffe all’avvicinarsi della data. (salvo rari casi)
  3. Quasi nessuno degli hotel ha mai raggiunto la piena occupazione. E anche nel caso l’avesse raggiunto non ha mai spinto sul prezzo dell’ultima stanza.
  4. La tariffa ha una lieve tendenza ad aumentare esclusivamente per la chiusura di tipologie di stanze o di classi tariffarie
  5. la forchetta tariffaria se calcolata in % sul valore della stanza è piuttosto bassa

E te che idea ti sei fatto?

Tags
Show More

Related Articles

2 thoughts on “Il Revenue Management della catena NH”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *